Un altro dei pilastri della cucina Piacentina sono sicuramente gli “ANVÉI” (anolini), di stracotto o di formaggio: un successo assicurato sulle nostre tavole in festa insomma!

Miei Grandi e Piccoli Chef  Creativi siete tutti pronti a stupire, come sempre, i vostri commensali con qualcosa di speciale per questo ultimo dell’anno!?

scommetto propio di sì…

Lo sapevi che…

  • Ci sono ben quattro varianti di Anolini!? 
  • Il nome e il ripieno degli anvéi varia in base alle zone del Piacentino dove vengono prodotti. Ad esempio : i marubéi sono tipici della fascia rivierasca verso il cremonese, i ravio’ della parte alta delle nostre vallate.
  •  Le prime testimonianze della preparazione degli anolini risalgono al XIII secolo.
  • Solamente tre secoli dopo, gli anolini iniziano a fare la loro comparsa sulle tavole di nobili ed alti prelati.
  • Gli anvéi fecero la loro prima comparsa in un opera letteraria di cucina del 1536.  L’autore di questo libro di ricette era Bartolomeo Scappi.
  • Con il passare del tempo gli anolini iniziarono a comparire non più solamente sulle tavole dei nobili e alti prelati ma anche sulle tavole del popolo.
  •  Pellegrino Artusi fu il primo a descrivere gli anolini come piatto popolare.

Anvéi ANolini piacentini di stracotto

Anvéi piacentini di stracotto

Anolini anche a capodanno

Come già detto prima, a Natale, ci siamo rimpinzati ben bene di anolini, tortelli (scopri la ricetta), cappone ripieno, salame cotto ecc., ma  la tradizione Piacentina vuole che anche l’ultimo dell’anno non manchi sulle nostre tavole un bel piatto di anolini di stracotto in un buonissimo brodo “in terza”.

Quindi, per chi non ne avesse avuto abbastanza di queste piccole prelibatezze è giunto il moneto di preparali insieme e gustarceli per l’ultima sera dell’anno!

Tutti pronti!? allora via in cucina!

La ricetta di una volta…

Per chi non lo sapesse gli anvéi sono uno dei piatti più lunghi da fare, in quanto il giorno prima dobbiamo mettere in cottura lo stracotto, che diventerà il nostro ripieno.

Ora vediamo insieme cosa ci occorre per fare un ottimo stracotto, proprio come facevano le razdore di una volta.

Ingredienti :

1Kg di sottofesa di manzo

75g di Burro Amendolara 

1 hg di Lardo Amendolara

Spicchi d’aglio 2

Foglie di alloro 2

Carota 1

Gamba di sedano 1

Bicchiere di vino rosso 1

Cucchiai di salsa di pomodoro 2

Spezie q.b.

Per il ripieno degli anolini:

Stracotto

Grana Padano qb

Pane grattugiatoqb

Noce moscata

Brodo dello stracotto

Per la Pasta all’uovo:

4 uova intere

4 hg di farina

un pizzico di sale

 Attrezzi:

Casseruola di terracotta o in Alluminio

Stampino per anolini 

Assa in legno 

Difficoltà

Media

Procedimento:

  1. Iniziate a spellare gli spicchi d’aglio, affettateli e con essi steccate la carne. Tritate la cipolla e versatela nella casseruola, unite il burro e fate soffriggere; aggiungete la carne e lasciatela rosolare molto bene da tutti i lati. ultimata la rosolatura sfumate con il bicchiere di vino rosso e continuate la cottura senza coperchio.
  2. Nel frattempo preparate un “battuto”, potete tranquillamente utilizzare un robot da cucina, con  il lardo, sedano, carota, che unirete alla carne non appena il vino sarà evaporato.
  3. Aggiungete ora due foglie di alloro e due cucchiai di salsa di pomodoro, il sale ed infine le spezie; coprite il manzo con acqua bollente e mescolate  in modo che la salsa di pomodoro si sciolga uniformemente.
  4. Ora non resta fare cuocere a fuoco basso per 12 ore il nostro stracotto, muovendo di tanto in tanto il recipiente in modo che la carne non si attacchi sul fondo.
  5. Una volto pronto lo stracotto, con un tritatutto tritatelo finemente e ungetelo al sugo che è rimasto nella pentola assieme al pane grattugiato, il formaggio, un pizzico di noce moscata e amalgamate per bene il tutto in modo da rendere l’impasto omogeneo.
  6. Ora passate alla pasta all’uovo: su una spianatoia ponete 4hg di farina a fontana, le uova e un pizzico di sale (il procedimento completo lo trovate QUI).
  7. Stendete una sfoglia sottile e tagliatela in una striscia di circa 10 cm circa; su un lato disponete tante palline di ripieno di stracotto distanziandole l’una dall’altra di circa 5 o 6 centimetri.
  8. Ripiegate la striscia in modo da ricoprire il ripieno, premete leggermente tra una pallina e l’altra e tagliate gli anolini con l’apposito attrezzo.
  9. ora che i nostri anvéi sono pronti dobbiamo preparare il brodo ed il gioco è fatto.

Per fare un brodo con in fiocchi

Anvéi ANolini piacentini di stracotto

Anvéi piacentini di stracotto

 

Come da tradizione che si rispetti per mangiare gli Anvéi bisogna fare un Brodo “In terza”.

Ma voi sapete perché viene chiamato così?

Questo tipo di brodo “in terza” è chiamato in questo modo proprio perché è ottenuto da ben tre tipi di carne, ed è il brodo per eccellenza che viene usato qui nel Piacentino.

Adesso vediamo un pò come si fa il brodo “in terza”, ci servirà:

Ingredienti :

Costa di sedano 1

Cipolla 1

Carota 1

Acqua qb

Sale qb

Manzo

Cappone (già farcito con lo stesso ripieno degli anolini) o Gallina

un pezzo di carne Vitello (testina) o Maiale (magra)

Procedimento:

  1. Riempire per tre quarti una pentola abbastanza capiente, con i tocchetti di sedano, carota e cipolla e portare il tutto a bollore.
  2. Quindi a distanza di 20 minuti uno dall’altro, aggiungere nel seguente ordine: un pezzo di carne di manzo, un pezzo di testina o di carne di vitello o maiale, un pezzo di gallina oppure il cappone  ripieno.
  3. lasciamo bollire il tutto piano piano per circa due ore, ricordandoci di schiumarlo spesso.
  4. una volta pronto filtriamo il brodo, tenendo la carne in disparte da magiare come secondo, e in una altra pentola mettiamo il brodo; facciamo prendere bollore e cuociamo i nostri anolini.
  5. Buon appetito!

 

Scommetto che questo ultimo dell’anno stupirete tutti con gli Anvéi di stracotto Piacentini!

Io vi auguro un felice fine anno e un meraviglioso 2020! Miei piccoli chef non mi resta che dirvi alla prossima e di non dimenticarvi di seguirmi sui miei social per non perdevi tutte le novità di questo nuovo, fantastico e super creativo ANNO NUOVO!

Non dimenticatevi di seguirmi sul mio social preferito @unachefcreativa per scoprire tutte le novità di quest’anno!

A prestissimo Piccoli Chef creativi

Il Mio Mondo Creativoun anno ricconi novità vi aspetta!
Buon 2020!